ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mondiali di judo: il dominio del Giappone

Lettura in corso:

Mondiali di judo: il dominio del Giappone

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ un trionfo giapponese la terza giornata dei Campionati Mondiali di judo, in corso a Chelyabinsk, in Russia.

Nella categoria femminile -57 kg, ha vinto infatti la judoka nipponica Nae Udaka, al suo primo podio iridato in carriera. La 29enne ha battuto in finale per hansoku-make la portoghese Telma Monteiro, alla quinta medaglia mondiale.

Il primo dei due bronzi assegnati è finito nelle mani della 22enne olandese Sanne Verhagen, vincitrice con uno yuko per seoi-nage sulla mongola Sumiya Dorjsuren.

L’altro bronzose l‘è preso invece la francese Automne Pavia. La transalpina, che prima d’ora non era mai andata oltre il quinto posto nella rassegna iridata, ha messo al tappeto la brasiliana Rafaela Silva, campionessa uscente.

L’inno giapponese ha suonato anche nella categoria uomini-73 kg, per Riki Nakaya. Il 25enne, che torna al successo dopo Parigi 2011, ha sconfitto con un ko-uchi-gari che gli è valso un ippon l’outsider nordcoreano Hong Kuk-Hyon, Campione d’Asia lo scorso anno.

Sul terzo gradino del podio è salito Victor Scvortov, che ha regalato la prima medaglia della storia al suo Paese adottivo, gli Emirati Arabi Uniti. Il judoka di origine moldava ha steso il sudcoreano Young Jun Lee.

Terzo posto finale anche per il russo Musa Mogushkov, già bronzo tre anni fa in Francia. Il padrone di casa ha avuto la meglio per waza-ari sul kazako Yertugan Torenov.