ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fusioni e fisco, Burger King vuole il passaporto canadese

Lettura in corso:

Fusioni e fisco, Burger King vuole il passaporto canadese

Dimensioni di testo Aa Aa

Quando si dice “due piccioni con una fava”. Burger King e la catena canadese di caffetterie Tim Hortons hanno confermato i negoziati per un’eventuale fusione.

L’accordo porterebbe non solo alla creazione di un gigante della ristorazione da oltre 13 miliardi e mezzo di euro di capitalizzazione, ma anche all’addio da parte della catena di fast-food al fisco statunitense.

Il nuovo quartier generale sarebbe infatti basato in Canada, dove le imposte sul reddito delle imprese sono più basse.

La manovra che porta una grande società a spostare la sua casa madre all’estero per ragioni fiscali è nota come “tax inversion” e negli Stati Uniti ha attirato spesso forti critiche.