ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vendette giurate e rappresaglie. A Gaza tornano a esplodere le violenze

Lettura in corso:

Vendette giurate e rappresaglie. A Gaza tornano a esplodere le violenze

Dimensioni di testo Aa Aa

Fallito il dialogo, tornano in scena rappresaglie e violenze. “Vendetta” il grido che rimbalza per le vie di Rafah, ai funerali dei tre leader militari di Hamas, uccisi nella notte da un raid israeliano.

Per stessa ammissione dello Shin Bet, i servizi segreti di Tel Aviv, il bombardamento mirava in particolare a eliminare Mohammed Abu Shamaleh e Raed Attar, ritenuti un alto responsabile e un comandante di brigata del braccio armato di Hamas. Poche ore prima sotto le macerie di un altro raid erano rimasti la moglie e il figlio di pochi mesi di Mohammed Deif, capo delle stesse Brigate Al-Qassan, invece scampato all’attacco.

Almeno 3 i bambini fra le 26 vittime contate da fonti mediche palestinesi nella giornata di giovedì.Israele sostiene dal canto suo di non aver fatto altro che replicare al lancio di 45 razzi dalla Striscia di Gaza.

In questo macabro rimpiattino, in cui le due parti sembrano giocare a chi spara di più, Hamas ha poi rivendicato orgogliosamente dei lanci anche contro l’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Nello scalo si bollano però le minacce come l’ennesimo al lupo al lupo. E a prevalere è per il momento la determinazione delle compagnie nel continuare a volare.