ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"La politica non abbandoni gli Yazidi". L'appello dell'inviato del Papa

Lettura in corso:

"La politica non abbandoni gli Yazidi". L'appello dell'inviato del Papa

Dimensioni di testo Aa Aa

“La politica faccia qualcosa. Gli Yazidi chiedono soltanto di non essere lasciati soli”. Questo il disperato appello alla comunità internazionale di cui si è fatto ambasciatore l’inviato del Papa Fernando Filoni, di ritorno dalla sua visita a Baghdad e nel kurdistan iracheno. “Sugli Yazidi si è abbattuta una tragedia – ha riferito al Pontefice – sono umiliati e distrutti”.

La lunga intervista rilasciata dal Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli al quotidiano Avvenire

“Si tratta di gente veramente povera – ha raccontato – forse in questo momento i più poveri. Perché mentre i nostri cristiani, tutto sommato – pur avendo abbandonato le loro case, perché non hanno voluto pagare la tassa per rimanere e perché non hanno voluto convertirsi – almeno non sono stati minacciati di morte”.

Il Pontefice, ha raccontato Filoni, si è dimostrato molto attento e interessato.
Fra i drammi degli Yazidi, a cui l’inviato del Papa ha tenuto a dar voce, quello di una giovane che si teme sia stata venduta e abusata.

“Attraverso un messaggio che era riuscita a mandare – ha raccontato ancora Filoni, con le lacrime agli occhi – una ragazza aveva detto, : ‘Se mio papà, un giorno, mi vedesse tornare, vi prego di uccidermi’”.

“La situazione è urgente e drammatica, ha poi insistito Filoni, gli sfollati iracheni hanno gli occhi che guardano nel vuoto di un futuro che è stato loro rubato”.