ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza: altre 24 ore di tregua, negoziati proseguono

Lettura in corso:

Gaza: altre 24 ore di tregua, negoziati proseguono

Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora ventiquattro ore di dialogo, ventiquattro ore di tregua: una proroga del cessate il fuoco, che avrebbe dovuto scadere alla mezzanotte. E voci secondo le quali un accordo sarebbe davvero a portata di mano.

In giornata il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ribadiva che la priorità per Israele è la propria sicurezza:

“Insieme – diceva ai soldati a Sderot – stiamo conducendo questa campagna complessa con determinazione e responsabilità. Siamo pronti a qualsiasi scenario. Ai nostri negoziatori al Cairo è stata data istruzione di insistere sulle necessità relative alla sicurezza di Israele”.

Al Cairo i colloqui indiretti proseguono, fonti palestinesi riferiscono di un accordo già raggiunto su alcuni punti. Il capo delegazione di Hamas però parla di “negoziato bloccato a causa dell’intransigenza di Israele”. Ed è a Israele che tocca fare concessioni, anche secondo il coordinatore delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, che in giornata diceva: “Non possiamo lasciare che Gaza si ritrovi nelle condizioni di prima di questa escalation, perché le restrizioni imposte alla Striscia di Gaza, all’ingresso ed uscita di beni e persone, continueranno a generare instabilità, sottosviluppo e conflitti”.

Sulla Striscia, un paio d’ore prima del previsto scadere della tregua, già si era intensificato il ronzio dei droni, e si era affacciato anche qualche caccia. Tutto lasciava presagire una ripresa dei bombardamenti. Fino alla notizia della proroga: altre ventiquattro ore di speranza.