ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Accordo sul convoglio umanitario russo, ma manca il via libera ufficiale di Kiev


Ucraina

Accordo sul convoglio umanitario russo, ma manca il via libera ufficiale di Kiev

L’accordo sulle questioni tecniche c‘è, ma per l’ingresso del convoglio umanitario russo in Ucraina manca ancora il via libera ufficiale di Kiev.

I circa trecento camion inviati da Mosca restano per ora fermi a pochi chilometri dalla frontiera, in attesa del completamento delle controverse ispezioni.

Come spiegato dal rappresentante locale dell’OSCE i servizi doganali russi e i rappresentanti ucraini hanno discusso della questione per diverse ore durante la giornata di sabato.

La questione più importante per gli operatori della Croce Rossa è quella della sicurezza. Questione ancora in sospeso:

“In questa fase noi siamo pronti – dice un rappresentante della Croce Rossa -. Le autorità hanno raggiunto un accordo sulle procedure, noi siamo pronti ma aspettiamo dalle parti la garanzia che per noi sarà possibile muoverci in sicurezza”.

Il convoglio è bloccato ormai da giovedì. Mosca accusa Kiev di volere sabotare l’operazione umanitaria.

A Berlino tra poche ore si incontrano il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkine e quello russo Sergei Lavrov, alla presenza dei capi della diplomazia francese e tedesca.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Kerry, Clinton, la Turchia spiati dai servizi segreti tedeschi, imbarazzo in Germania