ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il convoglio della discordia al confine russo-ucraino

Lettura in corso:

Il convoglio della discordia al confine russo-ucraino

Dimensioni di testo Aa Aa

Il convoglio umanitario della discordia è arrivato alla frontiera tra Russia e Ucraina dopo aver cambiato percorso ed essersi fermato una notte in un deposito militare. I circa 280 camion attendono ora di attraversare il confine al check-point di Izvaryne, controllato dai ribelli filo-russi. Il cambio di rotta sembra non aver sorpreso gli autisti del convoglio.
“Noi andiamo dovunque ci viene ordinato. Certo, fa un po’ caldo, ma tutto va bene, il camion non ha problemi”.
Per le autorità ucraine, la volontà di passare attraverso un posto di frontiera controllato dai separatisti rafforza i sospetti sulla vera natura dell’iniziativa di Mosca.
“Anche nel caso in cui si accettasse di far passare gli aiuti umanitari dal check-point temporaneamente controllato dai terroristi – dice il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale ucraino -, tutto il carico dovrebbe essere esaminato dalla polizia di frontiera ucraina e consegnato ai rappresentanti della Croce rossa internazionale”.
Anche Kiev ha allestito un proprio convoglio umanitario. Composto da circa 75 automezzi, trasporta circa 800 tonnellate di materiale alle popolazioni dell’est dell’Ucraina che si trovano sul territorio controllato o riconquistato dalle forze ufficiali.