ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ebola: prima vittima europea. Morto missionario spagnolo

Lettura in corso:

Ebola: prima vittima europea. Morto missionario spagnolo

Dimensioni di testo Aa Aa

È morto Miguel Pajares. Il missionario spagnolo è la prima vittima europea del virus Ebola.

Aveva contratto la malattia nell’ospedale
Saint Joseph di Monrovia dove lavorava.

Si tratta del quarto membro del personale del nosocomio – chiuso il primo agosto dalle autorità liberiane – a morire in 10 giorni dopo aver contratto il virus.

Era stato rimpatriato a Madrid, ma nemmeno le cure europee sono bastate a salvarlo.

Il numero delle vittime per ora ascende ad almeno 1013. Alcuni province della Liberia sono isolate dai militari. Nessuno entra, nessuno esce. La Cina, che in Africa occidentale ha enormi interessi, ha inviato medici che assistano il personale locale e aiuti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera l’epidemia ormai fuori controllo. Stesse considerazioni fatte da un medico in loco: “La malattia si sta espandendo e non riusciamo a contrastarla. È ormai diventata una crisi globale”.

Il virus ha attecchito anche in Nigeria dove si registrano alcuni decessi. Per ora esistono solo vaccini sperimentali, in America Ebola è considerata come un rischio di bioterrorismo e il dipartimento di Stato ha lanciato una ricerca. Washington ha promesso alla Liberia un grosso quantitativo di questo vaccino sperimentale. Per ora l’unica arma contro l’epidemia.