ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nigeria, "crimini di guerra" per Amnesty International

Lettura in corso:

Nigeria, "crimini di guerra" per Amnesty International

Dimensioni di testo Aa Aa

Amnesty International accusa l’esercito nigeriano di atrocità nella lotta contro la setta jihadista Boko Haram. In un video si vedono soldati che tagliano la gola a presunti attivisti, gettandoli poi in una fossa comune.

Scene macabre e azioni reiterate come le esecuzioni extragiudiziali, secondo l’ONG, avvenute dopo l’attacco alla caserma Giwa, nella città di Maiduguri, il 14 marzo scorso.

Makmid Kamara, ricercatore di Amnesty International Nigeria:
“Nel video si vedono persone che potrebbero essere ufficiali dell’esercito nigeriano o membri della milizia civile Joint Task Force. Chiediamo che le autorità nigeriane indaghino affinchè i responsabili siano assicurati subito alla giustizia”.

L’esercito nigeriano ha fatto sapere di considerare molto seriamente “le gravi accuse” e di aver ha predisposto una squadra di esperti per esaminare il video e rintracciare subito i responsabili.

Makmid Kamara, ricercatore di Amnesty International Nigeria: “Nel nord est della Nigeria si assiste ad un’escalation delle attività di Boko Haram e delle risposte militari nigeriane alla violenza di Boko Haram. Si è andati talmente oltre, che la gente comune qui non puó piú sentirsi al sicuro”.

Gli abitanti di Maiduguri lamentano che la task force civile possa aver lanciato una “caccia alle streghe” contro persone sospettate di essere legate a Boko Haram, praticando una giustizia “fai da te”.

Amnesty International stima che dall’inizio dell’anno siano morte 4mila persone nel conflitto, iniziato nel maggio 2013, tra esercito e Boko Haram.