ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Gaza. Nuovi raid nella notte. Colpita scuola Onu a Jabaliya


Gaza

Gaza. Nuovi raid nella notte. Colpita scuola Onu a Jabaliya

1.250 palestinesi uccisi in 21 giorni di guerra. Un’altra notte di bombe e morte nella Striscia di Gaza, costantemente sotto il fuoco dei raid aerei israeliani. Durante i bombardamenti notturni almeno 33 palestinesi sono rimasti uccisi. Dieci persone sono morte in una scuola dell’Onu.

All’ospedale di Shifa, dove ha sede il centro emergenze della Striscia, ieri è stato il giorno in cui tenere il conto delle vittime è stato più difficile: 128 in 24 ore. I raid aerei si sono concentrati in particolare sul campo profughi di Jabaliya, a Nord di Gaza City, dove tra l’altro sono state bombardate 3 moschee.

Dall’inizio dell’offensiva sono stati distrutti o danneggiati dalle bombe dello Stato Ebraico anche 18 tra ospedali, cliniche e centri medici della Striscia. Dall’8 luglio scorso, inzio dell’offensiva militare dello Stato Ebraico, sono più di 7.000 i feriti.

Ieri mattina è stata danneggiata anche l’unica centrale elettrica della Striscia di Gaza, che già funzionava a regime ridotto, razionando l’erogazione di energia: un missile ha colpito un container di carburante incendiandolo, un altro ha distrutto il motore dell’impianto.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Israele intercetta nella notte razzi da Gaza su Tel-Aviv