ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eid al Fitr, conto alla rovescia

Lettura in corso:

Eid al Fitr, conto alla rovescia

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Ramadan è finito e il mondo islamico festeggia per tre giorni.
La preghiera dell’Eid al Fitr ha diverse date di osservanza in base al paese d’appartenenza e un’unica paura: gli attentati da parte degli estremisti.

In Iraq oggi festeggiano gli sciiti. La gente prima di entrare nelle moschee viene perquisita.
A Kandahar, in Afghanistan un uomo imbottito di esplosivo si è fatto saltare in aria provocando la morte del cugino del presidente Hamid Karzai.

Anche in Pakistan, nel giorno dell’Eid i musulmani si riuniscono in moschea sin dal mattino per la preghiera del Takbir, durante la quale si grida Allahu Akbar, (“Dio è grande”) prima delle preghiere di rito.

Tra i musulmani è comune ritrovarsi con i parenti e organizzare banchetti.
Nei Paesi islamici vale la regola del riposo durante la festività: negozi e uffici rimangono chiusi.

Mohammad Sadiq, negoziante di Karachi, dice: “La sicurezza è stata davvero molto impressionante. Grazie Allah, abbiamo pregato senza timore o preoccupazioni. Tutti abbiamo pregato in un’atmosfera molto tranquilla”.

Tra tre mesi arriverà la festa islamica più importante, l’Eid al-Adha, che segna la fine del pellegrinaggio alla Mecca.