ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ebola: l'epidemia mortale si espande in Africa occidentale

Lettura in corso:

Ebola: l'epidemia mortale si espande in Africa occidentale

Dimensioni di testo Aa Aa

La Sierra Leone è diventata epicentro dell’epidemia di Ebola che non smette di propagarsi. Nella regione dell’Africa occidentale il 20 luglio aveva già fatto almeno 660 morti secondo le cifre dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

È la peggiore epidemia di febbre emorragica finora. E sembra incontrollabile. La capitale Freetown, finora risparmiata, ha registrato la sua prima vittima. Una donna infettata era fuggita dall’ospedale aiutata dalla famiglia. È morta assieme ai parenti, non prima di aver portato fuori l’infezione.

Ci sono state vittime anche fra il personale medico di Kenema dove molte infermiere sono morte assieme al caporeparto dottor Omar Khan. Si sono ammalati due medici americani anche nella vicina Liberia, oltre a un noto medico locale.

Una lotta impari. È come svuotare il mare con un secchiello secondo un epidemiologo: “Abbiamo disperato bisgno di personale logistico, ma anche di materiale medico, medicinali… Siamo in emergenza e abbiamo già grossi problemi nel combattere questa emergenza che è già epidemica e che potrebbe peggiorare se non ci arrivano più risorse”.

L’epidemia è esplosa il 22 marzo di quest’anno in Guinea passando poi a Sierra Leone e Liberia. Si teme sia arrivata in Nigeria dove si è avuto il primo decesso confermato.

Si tratta di un liberiano che aveva viaggiato a Lagos e che martedì ha mostrato i primi sintomi. Lagos è la più grande città del paese con 20 milioni di abitanti. Il paese di milioni ne ha 180, ma un sistema ospedaliero assolutamente insufficiente ad affrontare una malattia del genere o peggio, un’epidemia virale.