ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nyon accende le notti elvetiche

Lettura in corso:

Nyon accende le notti elvetiche

Dimensioni di testo Aa Aa

Sei giorni e sei notti al Paleo Festival di Nyon, Svizzera. Una festa a cielo aperto che accende le notti estive elvetiche. Fra i gruppi in pista a questa 39esima edizione
The Black Keys, Thirty Seconds to Mars, Talisco, il gruppo rock belga Girls in Hawaii.

Questi ultimi dopo la morte del loro batterista sono rientrati nell’area lo scorso anno col nuovo album “Everest”. OPera pop melanconica.

DANIEL OFFERMANN, BASSISTA: “Veramente due anni fa non eravamo sicuri che avremmo continuato a esibirci per via del lutto. Avevamo un gran seguito. Siamo stati sostenuti fin dagli inizi e la cosa procura forti emozioni”.

Forti di due nuovi membri i Girls in Hawaii stanno tornando alle radici della loro musica molto orinale.

Con un pubblico di 230’000 fan il Paleo puo’ contare su sei arene per far esibire i gruppi.

Jared Leto e la sua band Thirty Seconds To Mars hanno cantato sulle note del loro rock epico emotivo. La band americana ha iniziato in giugno la promozione del suo ultimo album
“Love, Lust, Faith and Dreams”.

Un altro momento clou: Wunderkind Jake Bugg! Quando era poco più che adolescente aveva già conquistato le folle oceaniche con una musica, ispirata al passato a Bob Dylan e Johnny Cash.

L’arena Village du Monde a Nyon quest’anno è didicata alle Ande. I Karamelo Santo sono stati i primi artisti di esibirsi sul palco dEL Village du Monde.
La formazione argentina mescola stili diversi che vanno dal reggae al rock lo ska, il bolero. Nati nel 1993 nella province di Mendoza col nome “Perfectos Idiotas”, avevano registrato il primo album da indipendenti.

Nel 2000 sono stati i supporter di Manu Chao.

Sul palco anche i Black Keys con la loro virale ‘Lonely Boy’ tratta dall’album Turn Blue.

Il Paléo Festival è il secondo maggiore open-air music festival d’Europa, dopo il Sziget Festival, in Ungheria.