ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

MH 17: vittime giunte in Olanda, via alle identificazioni

Lettura in corso:

MH 17: vittime giunte in Olanda, via alle identificazioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Una cerimonia silenziosa, alla presenza delle massime autorità del Paese: all’aeroporto di Eindhoven, in Olanda, sono state sbarcate 40 salme provenienti dall’Ucraina. Si tratta del primo gruppo di vittime del Boeing 777 della Malaysia Airlines abbattuto, a quanto pare da un missile, mentre sorvolava la zona di conflitto dell’Ucraina orientale.
Il Re Guglielmo Alessandro, la Regina, il Premier Mark Rutte e tutti i ministri del suo governo hanno assistito in rigoroso silenzio alle lunghe, solenni operazioni di trasbordo delle bare, che una ad una sono state caricate su carri funebri diretti in corteo alla base militare di Hilversum, dove si procederà all’identificazione delle vittime. 193 quelle olandesi, su 298 totali, ma in attesa di identificazione vengono tutte trasportate in Olanda, perché il Paese è titolare dell’inchiesta avendo subito il maggior numero di vittime. Il volo MH 17, decollato da Amsterdam, era diretto a Kuala Lumpur. I voli militari che portano i corpi in Olanda dall’Ucraina proseguono, a partire da domani.

Centinaia le persone stipate all’esterno dell’aeroporto, in attesa del convoglio, e altre centinaia attendevano lungo il percorso dallo scalo fino alla base militare.

Qualcuno ha applaudito, ma nella gran parte dei casi sono rimasti in silenzio, così come poco prima anche i Reali e il governo erano stati silenziosi durente tutta la cerimonia e altrettanto silenziosamente hanno lasciato l’aeroporto.

Nessun discorso ufficiale, non una parola alla stampa. Il rispetto alle vittime è stato tributato con il silenzio.