ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: dove saranno identificate le vittime del Boeing 777?

Lettura in corso:

Ucraina: dove saranno identificate le vittime del Boeing 777?

Dimensioni di testo Aa Aa

Le salme o i resti delle 298 vittime sono arrivate a Kharkiv, zona controllata da Kiev. Le prime salme delle vittime dovrebbero arrivare domani nei Paesi Bassi. Dove saranno identificate? Le ultime notizie da Kharkiv dalla corrispondente di euronews in Ucraina Maria Korenyuk, intervistata da Iryna Gibert.

Iryna Gibert, euronews: Oggi il treno speciale partito da Donetsk è arrivato a Kharkiv con le vittime del Boeing 777 della Malysia Airlines. Secondo le informazioni in tuo possesso, quando saranno identificati i corpi?

Maria Korenyuk, inviata di euronews a Kharkiv: ‘‘Si legge su internet che l’identificazione dei corpi dovrebbe avvenire a Kharkiv, in Ucraina, e i parenti delle vittime dovrebbero arrivare qui. Ma non possiamo confermare questa informazione. Al contrario, secondo le nostre fonti, ovvero le autorità olandesi e ucraine, i corpi saranno identificati nei Paesi Bassi. Ed è qui che sarà diretto il primo aereo con i corpi delle vittime. Sei esperti ucraini si recheranno sul posto per seguire da vicino tutta la procedura. Quanto tempo ci vorrà per identificare i corpi? Non lo sappiamo: qualche giorno, qualche settimana, tutto dipenderà dallo stato di conservazione dei corpi. Ma la cosa più importante, sulla quale insistono le autorità sia olandesi che ucraine, è che la procedura di identificazione dei corpi inizi il prima possibile affinché gli esperti possano essere certi che sul luogo del disastro non restino altri corpi. In questo momento non si ha la certezza che tutti siano stati recuperati. Non è neanche certo che tutte le salme saranno inviate nei Paesi Bassi.’‘

Iryna Gibert: Le scatole nere sono state consegnate nelle mani degli esperti malesi, ma i resti dell’areo rimangono sul luogo della tragedia. Grazie a questi rottami e, con l’utilizzo di moderne tecnologie, sarà possibile ricostruire i dettagli dell’attacco missilistico. Cosa accadrà, dunque, ai pezzi dell’areo?

Maria Korenyuk: ‘’ In questo momento, purtroppo, non c‘è una risposta per questa domanda, che interessa il mondo intero. Non sappiamo neanche se l’analisi dei resti avrà luogo in Ucraina o all’estero. Il vice primo ministro ucraino Volodymyr Groisman non ha una risposta per questa domanda, perché le autorità non hanno ancor accesso al luogo del disastro. Questo territorio è controllato dai separatisti. Ed è per questa ragione che Kiev ha bisogno del sostegno della Comunità Internazionale per avere accesso al luogo della tragedia, per poter esaminare ogni centimetro dell’aerea, ottenere il permesso da coloro che controllano la zona.’‘