ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Immigrazione: la nave dell'orrore, sessanta accoltellati

Lettura in corso:

Immigrazione: la nave dell'orrore, sessanta accoltellati

Dimensioni di testo Aa Aa

È un racconto dell’errore quello che fanno i 561 migranti portati in salvo in Sicilia il 19 luglio, e che ha portato in queste ore all’arresto di cinque persone sospettate di aver assassinato e gettato a mare una sessantina di migranti. Tutto questo perché i cinque temevano che la nave si capovolgesse, perché era stracarica, con circa settecento persone, e si stava svolgendo un’enorme rissa. Alcuni volevano tornare indietro, viste le pessime condizioni del natante, e poi c’erano gli africani che non volevano restare chiusi nella stiva, dove il caldo era insopportabile. Oltre ai sessanta assassinati, altri ventinove migranti sono stati trovati morti nella stiva e decine sono dati per dispersi, probabilmente caduti in mare e poi annegati. Tre sospetti scafisti erano già stati arrestati.