ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dialogo Usa-Kabul a caccia di stabilità

Lettura in corso:

Dialogo Usa-Kabul a caccia di stabilità

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti sono interessati ad un Afghanistan “unito, democratico e stabile”. Missione di mediazione post elettorare, dunque, per il segretario di stato americano John Kerry, che in visita ufficiale a Kabul prima incontra Hamid Karzai e poi separatamente, i due aspiranti alla massima carica dello Stato: Abdullah Abdullah e Ashraf Ghani Ahmadzai.

In discussione ci sono i brogli elettorali, ma non solo.

Il segretario di stato americano, John Kerry, durante la conferenza stampa ha detto: “È importante che il Presidente sia riconsciuto dalla gente attraverso un processo legittimo. I risultati anticipati lunedì sono preliminari, ma non sono né autorevoli né definitivi. E nessuno dovrebbe affermare la propria vittoria, in questo momento.”

Lunedi’ la Commissione elettorale indipendente ha diffuso i risultati preliminari dello “spareggio” per eleggere il nuovo capo di Stato, in cui Ghani appare in vantaggio di un milione di voti su Abdullah.

Abdullah ha percio insinuato la possibilita’ della formazione di un “governo parallelo”, in aperta sfida alla Costituzione e alle leggi afghane.

Tutto questo ha allarmato la comunita’ internazionale, mentre il paese chiede chiarezza.