ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eduard Shevardnadz. Dall'Urss alla “Rivoluzione delle rose”

Lettura in corso:

Eduard Shevardnadz. Dall'Urss alla “Rivoluzione delle rose”

Dimensioni di testo Aa Aa

Protagonista indiscusso della Perestrojka, Eduard Shevardnadze verrà ricordato per il suo ruolo nella fine della Guerra Fredda. Nel 1985, dopo l’elezione di Michail Gorbaciov a leader dell’Unione Sovietica, Shevardnadze venne nominato ministro degli Esteri.

Il suo carisma piacque subito alle cancellerie occidentali; firmò accordi storici per il controllo degli armamenti e partecipò al negoziato per la riunificazione della Germania.

Dopo le critiche dei nostalgici, che insieme a Gorbaciov, lo ritenevano responsabile del crollo della grande potenza sovietica, Shevardnadze tornò in Georgia nel 1992. Un paese diviso tra una crisi sociale interna e una guerra civile per le aspirazioni indipendentiste delle repubbliche autonome dell’Ossezia meridionale e dell’Abkhazia.

Nel 1995 divenne presidente per l’Unione dei cittadini e lo rimase fino al novembre del 2003, quando fu deposto dalla cosiddetta “Rivoluzione delle rose”. I manifestanti guidati dal futuro presidente Mikhail Saakashvili irruppero nel Parlamento mentre Shevardnadze pronunciava un discorso e lo portarono fuori dall’edificio. Quell’episodio segnò la fine della sua carriera politica.