ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

All'aeroporto di Düsseldorf un robot per parcheggiare

Lettura in corso:

All'aeroporto di Düsseldorf un robot per parcheggiare

Dimensioni di testo Aa Aa

Per trovare parcheggio c‘è Ray. Non è un posteggiatore, ma un robot che assegna alla macchina il posto giusto. L’assistente cibernetico è per ora presente all’aeroporto di Düsseldorf, in Germania.

Il passeggero affida l’automobile al punto di rilascio, attraverso uno scanner vengono rilevate le dimensioni, comprese ruote, specchietti e paraurti, e Ray trasporta il veicolo in uno dei 249 posti del parcheggio.

Thomas Nagel, sviluppatore di software per Serva Transport Systems: “Naturalmente in questo modo risparmiamo spazio. Riusciamo a parcheggiare tra il 40 e il 60% in più delle macchine sulla stessa superficie. E’ un problema, soprattutto per gli aeroporti e le grandi città. Per cui ci è venuta in mente quest’idea, per ottimizzare lo spazio”.

E’ come giocare a Tetris con veicoli veri. Ray e i suoi colleghi sono macchine automatiche che funzionano come montacarichi. I robot possono sollevare fino a 3,3 tonnellate.

Thomas Kötter, portavoce dell’aeroporto di Düsseldorf: “Per noi questa è la fase pilota che comprende 249 posti riservati ai robot. Se funzionerà bene come ci aspettiamo, prenderemo in considerazione l’idea di adottare il sistema in altre aree dei nostri parcheggi”.

Il servizio può essere prenotato via smartphone. Quando il passeggero torna dal viaggio, l’auto gli viene riconsegnata, come al deposito bagagli dell’aeroporto. Il costo è di 29 euro al giorno, 4 l’ora.