ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

The Corner Mondiali: al via gli ottavi, Chiellini 'perdona' Suarez

Lettura in corso:

The Corner Mondiali: al via gli ottavi, Chiellini 'perdona' Suarez

Dimensioni di testo Aa Aa

Ben ritrovati a The Corner speciale Coppa del Mondo 2014.
Tutto è pronto per il calcio d’inizio della fase ad eliminazione diretta, con i primi due ottavi di finale che si disputano questa sera.

Brasile-Cile

I padroni di casa del Brasile accolgono il Cile, all’Estadio Mineirao di Belo Horizonte.

Il Brasile inizia la fase da ‘dentro o fuori’, forte di una buona partenza in questi Mondiali. A parte lo 0-0 ottenuto con il Messico, i verdeoro hanno messo a segno due nette vittorie con Croazia e Camerun. E’ una seleçao Neymar-centrica, con il blaugrana che, ogni volta che tocca palla, fa delle magie. Attuale capocannoniere del torneo, insieme a Messi e Muller, è lui il vero motore di una squadra il cui gioco, fino ad ora, non ha comunque convinto al 100%.

Il Cile è di sicuro una delle cenerentole della prima fase. Inseriti nel girone di Olanda, Spagna e Australia, i ragazzi di Sampaoli erano accreditati come la terza del gruppo. Ma la debacle degli iberici e le buone performances dei sudamericani, gli hanno permesso di proseguire il cammino in terra brasiliana. Dopo il riposo durante l’incontro con l’Olanda, dovrebbe tornare in campo lo juventino Arturo Vidal, vero motore dei cileni, insieme al blaugrana Alexis Sanchez.

Colombia-Uruguay

Al mitico Maracana andrà in scena un’altra sfida tra sudamericane. La Colombia, imbattuta nella fase a gironi, affronterà l’Uruguay di Cavani, qualificatosi all’ultimo, ai danni dell’Italia.

La nazionale colombiana si presenta agli ottavi forte di tre successi, 7 reti segnate e solo due subite. Per questo parte da favorita per il passaggio di turno. Trascinati da Cuadrado e James Rodriguez, i Cafeteros cercano un traguardo mai raggiunto prima: i quarti di finale. Il loro miglior risultato ottenuto nella rassegna iridata finora è stato quello di Italia ’90, quando vennero infatti fermati agli ottavi dal Camerun.

Il Mondiale dell’Uruguay era iniziato in salita, con la sconfitta subita dalla sorpresa Costa Rica. La Celeste ha saputo pero’ rialzarsi subito, trovando due successi, contro l’Inghilterra e, quello decisivo, con l’Italia. Il ct Oscar Tabarez non avrà a sua disposizione lo squalificato Luis Suarez, ma potrà contare sui punti saldi di questa squadra: Godin, Caceres e Cavani.

Suarez accolto in Uruguay come un eroe, Chiellini lo perdona

Non sarà in campo questa sera Luis Suarez. Il fuoriclasse uruguayano è già rientrato a Montevideo dopo la maxi squalifica, inflittagli dalla Fifa, per il morso a Giorgio Chiellini. Dal canto suo, il difensore azzurro ha per cosi’ dire perdonato l’attaccante, definendo eccessiva la sanzione.

Una folla di tifosi ha accolto Luis Suarez al suo arrivo in Uruguay. Tanti gli striscioni a sostegno del fuoriclasse del Liverpool. Come tanti erano i cartelloni contro la Fifa. Il giocatore della Celeste, squalificato per nove partite e quattro mesi dall’organismo che gestisce il calcio, è atterrato all’aeroporto della capitale nella notte tra giovedi’ e venerdi’. Ha lasciato il Brasile tra le polemiche per il morso, inferto a Chiellini, con quest’ultimo che, a sorpresa, si è detto amareggiato per la decisione della Fifa, giudicata troppo pesante.
Intanto sul web e non solo spopola l’ironia sul gesto di Suarez. Sulla spiaggia di Copacabana ad esempio guardate come si divertono i turisti.

Pronostici

Come finiranno gli incontri di questa sera? Ecco le previsioni della redazione sportiva di euronews. Potete commentarle o inviarci i vostri pronostici, sui social networks, utilizzando l’hashtag #TheCornerScores.

Dovrebbero avere vita facile i verdeoro di Scolari contro il Cile. Anche se la Roja non va sottovalutata. Secondo la maggioranza, comunque, terminerà 3-1 a favore del Brasile. La Colombia, invece, vincerà di misura contro l’Uruguay, mettendo a segno due gol.

Anche per oggi è tutto. Restate con noi, durante la prossima tappa del nostro viaggio in Brasile.