ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

The Corner Mondiali: definiti gli ottavi, c'è l'Algeria

Lettura in corso:

The Corner Mondiali: definiti gli ottavi, c'è l'Algeria

Dimensioni di testo Aa Aa

Benvenuti a The Corner, speciale Coppa del Mondo 2014.

Joachim Loew 1 – Jurgen Klinsmann 0: il compito non è stato così facile per i tedeschi, che si sono accaparrati la testa del girone dopo la partita contro gli americani, ma l’exploit è stato messo in atto a Curitiba dall’Algeria, che ha ottenuto l’ultimo lasciapassare per la prima volta nella storia, a coronamento di 4 partecipazioni in Coppa del Mondo.

Germania e Stati Uniti avanti, come previsto

Nel gruppo G, pareggio “biscottato” doveva essere ma così non è stato: 1-0 tra Germania e Stati Uniti, con l’orecchio teso al risultato dell’altro match, e alla fine comunque tutti felici, contenti e qualificati.

Emozioni col contagocce sul rettangolo verde, eccezion fatta per la marcatura di Mueller, in avvio di ripresa, che ha deciso le sorti di un incontro disputato sotto un incessante acquazzone.

Era un’impresa disperata, conclusasi come previsto. Vince ma non passa il Portogallo contro il Ghana, e abbandona la competizione iridata nonostante il 2-1 nell’ultimo match disputato.

Gara non bella, sbloccata da una marchiana autorete del ghanese Boye, impattata da Gyan e messa in ghiaccio da Ronaldo nell’arco della seconda frazione.

Nulla di fatto, dunque, per i lusitani, che per la differenza reti negativa fanno compagnia al Ghana nel viaggio di ritorno verso casa.

Storica Algeria, Belgio primo

Alla fine, ce la fa l’Algeria a tagliare lo storico traguardo degli ottavi di finale, impattando contro la Russia, eliminata, col punteggio di 1-1.

Partita maschia, com’era giusto che fosse, considerata la valenza, coi russi in vantaggio per effetto di una fulminea marcatura a firma di Kokorin, poi raggiunti da Slimani, ma per i ragazzi di Capello non basta.

Nell’altra sfida del raggruppamento H, il Belgio fa fuori pure la Corea del Sud, concludendo a punteggio pieno dopo 3 gare.

1-0 lo score conclusivo di una gara bruttina e senza particolare importanza, decisivo il gol di Vertonghen.

Dunque, a passare sono Belgio e Algeria. Rientro anticipato in patria per Russia e Corea del Sud, che se non altro concludono l’avventura con almeno un punto conquistato.

Dopo 15 giorni di gare, siamo giunti alla fine del primo turno: approntato l’elenco delle prossime partite in programma per la Coppa del Mondo.

Gli accoppiamenti degli ottavi

Le sfide degli ottavi di finale scatteranno sabato prossimo:

- Brasile – Cile, 28 giugno, ore 18, Belo Horizonte;

- Colombia – Uruguay, 28 giugno, ore 22, Rio de Janeiro;

- Olanda – Messico, 29 giugno, ore 18, Fortaleza;

- Costa Rica – Grecia, 29 giugno, ore 22, Recife;

- Francia – Nigeria, 30 giugno, ore 18, Brasilia;

- Germania – Algeria, 30 giugno, ore 22, Porto Alegre;

- Argentina – Svizzera, 1 luglio, ore 18, San Paolo;

- Belgio – Stati Uniti, 1 luglio, ore 22, Salvador.

—-

L’edizione brasiliana non ha sorriso alle squadre europee, sottoposte a un massacro con l’uscita veloce della Spagna, campione in carica, dell’Italia (finalista Euro 2012), e ancora Inghilterra e Portogallo.

D’altra parte, per le squadre americane questa edizione è assai prolifica, con la brillante qualificazione di un team inatteso, come la Costa Rica.

Flop Spagna, Italia e Inghilterra, Costa Rica e Cile belle realtà

Mondiale da dimenticare per Spagna, Italia e Inghilterra.

Le “Furie Rosse” ricominceranno da tre (2 Europei e 1 Mondiale), lasciando a Del Bosque l’onere di avviare la rivoluzione della squadra.

Già detto delle delusioni italiche e relative dimissioni di Prandelli, che dovrebbe essere sostituito a inizio luglio, non si spiega l’ennesimo capitombolo britannico: una crisi di risultati profonda quella che attanaglia gli inglesi, incapaci di ben figurare in campo internazionale, a fronte di una Premier League fiore all’occhiello europeo.

Capitolo – sorprese: su tutte la Costa Rica, simpatica e brava formazione caraibica, che ha giustiziato proprio Italia e Inghilterra; occhio al Cile, che ha qualità e quantità da vendere, in tal senso il sonnacchioso Brasile del girone eliminatorio è avvisato; e cosa dire della Colombia, capace di vincere il proprio gruppo?

—-

Luis Suarez è ora costretto a trovare una soluzione per il suo vizio di infliggere morsi: la FIFA ha sanzionato il calciatore in maniera assai pesante, dopo l’attacco ai danni dell’italiano Giorgio Chiellini.

Anche per lui la Coppa del Mondo finisce qui.

Suarez: 9 turni e 4 mesi di stop

L’attaccante dell’Uruguay è stato squalificato per 9 partite e interdetto 4 mesi da qualsivoglia attività legata al calcio.

Questo l’esemplare provvedimento decretato dalla FIFA, in seguito al morso inflitto dall’uruguagio a Chiellini durante il match.

Queste le dichiarazioni del Responsabile Comunicazione della Federazione Internazionale, Delia Fischer:“Tale comportamento non può essere tollerato in qualsiasi campo di calcio, e in particolare non in una Coppa del Mondo, quando gli occhi di milioni di persone sono puntati sulle stelle in campo”.

Il calciatore aveva letteralmente addentato la spalla del difensore azzurro, tuttavia l’arbitro non si era accorto di nulla, sicchè si è rivelato decisivo l’intervento della prova tv.

Una tifosa italiana afferma:“E’ troppo poco, soprattutto se si guarda al suo comportamento prima, dato che è recidivo. Questa è la terza volta che l’ha fatto, la pena è troppo esigua”.

Durante questa fase, non potrà neppure andare allo stadio, né svolgere alcun tipo di attività amministrativa legata al calcio.

“Non si può pretendere che, in un evento importante come questo, in uno sport che promuove buone azioni, un giocatore morda un altro senza motivo”, dice infine questo tifoso colombiano.

La sentenza ha effetto immediato, pertanto Suarez salterà le prossime 9 gare disputate dalla “Celeste”, a far data dagli ottavi di finale con la Colombia, tuttavia la squalifica andrà estesa anche a qualsiasi altra competizione per club nei prossimi 4 mesi.

Dunque, in aggiunta niente Liverpool, per 9 giornate di Premier e 3 di Champions.

Ghana: Muntari e Boateng esclusi dalla Nazionale

Muntari e Boateng sono stati esclusi a tempo indeterminato dalla Nazionale ghanese prima del match col Portogallo. (Ad entrambi è stato anche ritirato l’accredito dei Mondiali).

A provocare l’esclusione di Muntari “un attacco fisico” durante una riunione con un dirigente del Comitato Esecutivo, quella di Boateng è invece conseguenza di “volgari insulti” rivolti al ct Appiah durante l’allenamento della squadra.

—————

Anche per oggi The Corner, speciale Coppa del Mondo, termina qui: restate con noi, nel nostro viaggio quotidiano ai Mondiali brasiliani.