ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: una tregua sempre più fragile

Lettura in corso:

Ucraina: una tregua sempre più fragile

Dimensioni di testo Aa Aa

A 24 ore dalla fine della tregua il cessate il fuoco fra separatisti e Kiev in Ucraina appare quantomeno fragile.

Le autorità accusano costantemente i ribelli di infrangere i patti e i filorussi assicurano che i bombardamenti dell’esercito regolare continuano senza sosta.

In mezzo la gente comune come questa donna: “Nel nostro quartiere ci sono stati combattimenti tutta la settimana: È la terza volta ed è stato davvero intenso. Non possiamo fare altro che restare qui. Persino il cane si è spaventato ed è entrato in casa”.

Le zone orientali restano militarizzate e l’atmosfera non è certo da tregua quanto piuttosto da calma prima della tempesta.

E anche se non si spara le tensioni all’est pesano sul bilancio di Kiev e il premier Arsenyuk rinfaccia a Mosca il fatto che lo Stato sia costretto a stornare sulla difesa fondi che potrebbero essere impiegati per il benessere del Paese. Un’altra forma di guerra visto che la Russia che secondo Kiev sosterrebbe logisticamente i ribelli, ha risorse illimitate rispetto all’Ucraina.

E nell’attesa del discorso di Poroshenko oggi la diplomazia segna il passo.

Kiev chiede più sostegno economico allo FMI mentre Bruxelles e Washington assicurano che aiuteranno l’Ucraina. Parallelamente la Nato mantiene sospesa ogni cooperazione con Mosca e spera in un cambio d’attitudine di Vladimir Putin

1.21 end