ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'arte di vivere a Vence


Cultura

L'arte di vivere a Vence

Vence, poco distante da Nizza è stato un luogo amato e vissuto da molti artisti come Pablo Picasso, Marc Chagall, Jean Dubuffet. Nel 1943, per allontanarsi
per qualche tempo da Nizza minacciata dai bombardamenti, Matisse affitta la villa
“Le Rêve” a Vence . L’ intenzione era rimanervi
solo un po’ e invece questa diventerà la sua sede. Qui potrà catturare meglio i colori del Sud. Zia Mirabdolbagh è il Direttore del Chateau de Villeneuve museo che ospita le opere degli artisti che hano vissuto a Vence.

Zia Mirabdolbaghi: “Qui l’artista è venuto per restare in intimità con se stesso e per avvicinarsi alla gente e al paesaggio, ci sono piccoli quartieri, piccoli negozi , la vita è a dimensione umana…quello che Matisse trovo’ a ‘Villa le Reve’ e nel vicinato è stata un’atmosfera…è curioso quello che posso dire perchè lui parlava dell’atmosfera di Tahiti con giovani donne che andavano in bicicletta in città, gli odori, la vegetazione. Matisse fu un pittore interessato alla botanica”.

La Cappella del Rosario, luogo sacro interamente concepito e decorato da Henri Matisse per le suore domenicane, è una meraviglia artistica considerata dal pittore stesso come il suo capolavoro.

Francois Franta, scultore e pittore di origine ceca che gira il mondo a caccia di ispirazione torna spesso a Vence.

Francois Franta, scultore: “Sono nato due volte, in Cecoslovacchia e la seconda volta qui a Vence, 55 anni fa. All’epoca c’erano molti artisti e ci sono ancora tracce di Matisse, Chagall. Ho avuto la fortuna di incontrare Picasso, Dubuffet anche era qui, Dufy ancora prima”.

La norvegese Turid Seljestad risiede a “Villa le Reve”- diventata un centro che organizza corsi per artisti di diversi livelli.

Turid Seljestad, amateur painter from Oslo:
“Capisco perchè sono attratti da quest’area, quando vieni qui c‘è qualcosa di speciale nella luce…in altre parole io mi sento a casa”.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Un'educazione degna del XXI secolo?

learning world

Un'educazione degna del XXI secolo?