ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Opera di Israele: il fascino di Masada incontra la lirica

Lettura in corso:

Opera di Israele: il fascino di Masada incontra la lirica

Dimensioni di testo Aa Aa

Amore e morte: è ‘‘La Traviata’‘ di Giuseppe Verdi ad animare l’Opera di Israele. I tre atti, tratti dalla ‘‘Signora delle camelie’‘ di Alexandre Dumas figlio, hanno avuto come scenario la montagna di Masada che si trova su un isolato altopiano del deserto della Giudea, più di 400 metri al di sopra del Mar Morto. Il maestro Daniel Oren è direttore d’orchestra e direttore musicale del Festival: “Attraverso la musica si possono toccare vette molto alte e nel deserto si possono realizzare spettacoli davvero magici. Il mio sogno è che questo festival diventi uno dei più importanti nel mondo, perché il luogo è unico, non ne esiste un altro uguale.’‘

Il Parco Nazionale di Masada è Patrimonio storico dell’umanità dell’UNESCO dal 2001. La montagna, simbolo della libertà degli ebrei, ospita dal 2010 il Festival che aspira a divulgare la cultura operistica in Israele, come spiega Hana Munnitz, direttore generale del festival: “Non abbiamo una tradizione operistica nel Paese, le persone che vengono qui non hanno familiarità con l’Opera, per molti si tratta della prima volta nella vita, il nostro obiettivo è di renderla accessibile.’‘

Obiettivo del festival è anche quello di spostarsi in altri luoghi di Israele, per dar vita a un dialogo tra cultura e ambiente all’insegna della musica lirica. Per dare un’immagine positiva di normalità e attrarre molti più turisti nel Paese.