ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I "super ricchi" aumentano ancora. In Italia sono 203mila

Lettura in corso:

I "super ricchi" aumentano ancora. In Italia sono 203mila

Dimensioni di testo Aa Aa

I “paperoni” del Pianeta? Sempre di più. E sempre più ricchi. A scriverlo, nel loro rapporto annuale, sono le società di consulenza Capgemini e RBC.

Il numero di persone con patrimonio investibile di almeno un milione di dollari è cresciuto nel 2013 fino a sfiorare i 14 milioni.

Ma il dato più stupefacente è quello temporale: certo, i ricchi hanno patito la crisi, ma la successiva ripresa ha costituito un vero trampolino, con il 40% della ricchezza totale generata negli ultimi 5 anni. Merito, in particolare, del rilancio del mercato azionario e dei prezzi degli immobili.

Il Paese che ne ospita la maggior quantità rimangono gli Stati Uniti, con 4 milioni di nababbi. Seguiti da Giappone (2,3 milioni), Germania (1,1 milioni) e Cina (758mila).

Ma il primato della regione nordamericana, si legge, dovrebbe essere superato già quest’anno dall’Asia-Pacifico, l’area che registra le maggiori crescite.

Il primato della densità di milionari appartiene invece alla Svizzera, dove un abitante su 24 rientra nei parametri del rapporto.

L’Italia, dal canto suo, si piazza al decimo posto della classifica con oltre 203mila.

Ma attenzione perché, come insegnano i saggi, c‘è sempre qualcuno più in alto: in questo caso si tratta dei cosiddetti “ultra ricchi” con patrimoni investibili oltre i 30 milioni di dollari.

In tutto il mondo questa élite tra le élite conta 128mila membri, con un patrimonio complessivo di 18mila miliardi di dollari.