ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: salvo lo speleologo tedesco intrappolato a 100 metri di profondità

Lettura in corso:

Germania: salvo lo speleologo tedesco intrappolato a 100 metri di profondità

Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono voluti quasi dodici giorni ma alla fine lo hanno salvato. Johann Westhauser, speleologo tedesco di 52 anni, era rimasto intrappolato lo scorso 8 giugno a quasi mille metri di profondità nella grotta di Riesending-Schachthöhle, a Berschtsgaden in Baviera.
La grotta più profonda di tutta la Germania.

“Non voglio sembrarvi patetico – dice Norbert Heiland, responsabile dell’operazione – ma penso che negli ultimi dodici giorni abbiamo scritto una nuova pagina nella storia del soccorso alpino”.

L’operazione era iniziata sei giorni fa. Lo speleologo, che ora è ricoverato in ospedale, cadendo si era ferito alla testa e si trovava nella parte più bassa della grotta. Cinque squadre di soccorso lo hanno trasferito da una zona all’altra. Per rendere l’idea: soltanto la zona più vicina all’uscita è alta quanto la Tour Eiffel.

All’imponente salvataggio hanno partecipato quasi un migliaio di persone, provenienti da tutti i Paesi dell’arco alpino, tra cui più di cento italiani.