ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Taglio a stimoli (e a ottimismo Usa). La FED: "Frenata del PIL nel 2014"

Lettura in corso:

Taglio a stimoli (e a ottimismo Usa). La FED: "Frenata del PIL nel 2014"

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la doccia fredda dell’FMI, arriva anche quella della FED. In scia con il Fondo Monetario Internazionale, anche la Federal Reserve riduce le previsioni di crescita degli Stati Uniti.

Se Janet Yellen per il 2014 non si attende più un PIL in crescita fra il 2,8 e il 3%, ma al massimo del 2,3%, la presidente della Fed si è però mostrata ottimista sull’ avvicinamento dell’inflazione all’obiettivo del 2% e sull’andamento dell’economia a partire dal 2015.

La FED lascia infatti invariate le previsioni per i due prossimi anni. E da qui la decisione – senza sorprese – di un’ulteriore riduzione agli stimoli, con un taglio agli acquisti di titoli, da 45 a 35 miliardi di dollari al mese.

Le proiezioni aggiornate lasciano poi presagire una leggerazione accelerazione dei tassi d’interesse, che dovrebbero cominciare a crescere con ritmi più sostenuti non prima della metà del 2015.

Disoccupazione elevata e obiettivi d’inflazione ancora lontani, suggeriscono però già intanto una politica monetaria accomodante, con un costo del denaro che resta prossimo allo zero, a cui è inchiodato dalla fine del 2008.