ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi in Iraq. "La soluzione passa per Teheran (e per una divisione del Paese?)"

Lettura in corso:

Crisi in Iraq. "La soluzione passa per Teheran (e per una divisione del Paese?)"

Dimensioni di testo Aa Aa

L’apertura del segretario di Stato americano John Kerry rilancia la pista di negoziati diretti fra Washington e Teheran per disinnescare la polveriera irachena.

“E’ un passaggio obbligato”, dice a euronews Mahsoud Alfak, esperto di questioni iraniane e redattore della Middle East Broadcasting Corporation, che non esita peraltro a evocare la possibilità di una divisione dell’Iraq.

“Forse in futuro potrebbe rivelarsi una soluzione piuttosto che incarnare un problema – dice Mahsoud Alfak al corrispondente di euronews a Dubai, François Chignac -. Per il momento credo però che l’Iran preferisca avere a che fare con un Iraq forte e unito, piuttosto che con un paese diviso e fragilizzato. Si tratta peraltro di una posizione condivisa dalla maggior parte dei paesi mediorientali. Molti di loro sono multi-etnici e multi-religiosi e temono quindi la reazione a catena che potrebbe innescare l’esempio di un Iraq diviso. Lo stesso iran è un paese multi-etnico, dove troviamo curdi, arabi, turchi. Oppure l’Arabia Saudita con i sunniti, gli sciiti e gli
ismailiti, e ancora situazioni simili in Turchia e in Siria”.

Secondo Alfak, il problema rischia però di essere la tenuta interna del Paese. All’ombra dell’avanzata dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante cova una profonda insofferenza, che erode posizione e autorità del premier sciita Nuri Al-Maliki.

“Una buona parte degli stessi sciiti sono avversi ad Al-Maliki – dice ancora Alfak -. Sappiamo che l’ayatollah Sistani ha chiesto agli iracheni di battersi contro quelli che chiama ‘terroristi’. Eppure da due anni si rifiuta di incontrare Al-Maliki. Neanche Ammar Al Hakim, il leader del Supremo Consiglio Islamico Iracheno, sostiene al-Maliki. L’elemento più rilevante è però che Muqtada al-Sadr, che oltre a guidare il movimento sadrista è anche alla testa dell’Esercito del Mahdi, è anche lui avverso ad al-Maliki. E a proposito di quanto accaduto negli ultimi giorni ha detto che ‘ad essere sconfitto, a Mosul, non è stato l’esercito iracheno, ma quello di al-Maliki. Tutti elementi che rivelano divisioni interne al paese molto profonde”.