ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mondiali, esordio vincente per l'Italia: Inghilterra ko 2-1

Lettura in corso:

Mondiali, esordio vincente per l'Italia: Inghilterra ko 2-1

Dimensioni di testo Aa Aa

Ben ritrovati a The Corner speciale Coppa del Mondo 2014. Quattro le gare in programma nella terza giornata in Brasile, con tutti gli occhi puntati su Manaus per la sfida fra Inghilterra e Italia. Sempre nel gruppo D, in campo un altra squadra già vincitrice della Coppa: l’Uruguay, che ha sfidato la Costarica.

Comincia nel migliore dei modi l’avventura in Brasile dell’Italia, che ha battuto gli inglesi per 2-1. Azzurri in vantaggio con Marchisio con un gran tiro da fuori, ma subito ripresi dal gol di Sturridge. Nella ripresa è Balotelli di testa a firmare la rete del 2-1 su pregevole assist di Candreva. Menzione per Sirigu e Darmian, fra i migliori in campo.

Clamoroso a Fortaleza, dove l’Uruguay ha ceduto di schianto per 3-1 alla Costarica. Celeste in vantaggio nel primo tempo con un rigore di Cavani, ma nella ripresa la squadra di Tabarez si è sciolta sotto i colpi di Campbell, Duarte e Urena, che in mezz’ora hanno ribaltato il match. Nel finale espulso Pereira

Italia che torna in campo il prossimo 20 giugno a Recife con la Costa Rica. Per Uruguay e Inghilterra è già tempo di spareggio

La Colombia strapazza la Grecia nella prima partita del Gruppo C. A Belo Horizonte los cafeteros regalano una gioia al loro bomber, Falcao, confinato in trubuna nel semplice ruolo di tifoso. A segno l’ex napoletano Armero nel primo tempo, prima dei due gol nella ripresa di Teo Gutierrez e James Rodriguez, quest’ultimo assistito da Cuadrado.

La Costa d’Avorio vince 2-1 in rimonta sul Giappone nella seconda partita del Gruppo C. All’Arena Pernambuco di Recife, la nazionale allenata da Alberto Zaccheroni passa in vantaggio nel primo tempo con Honda. L’ingresso di Drogba nella Costa d’Avorio cambia il volto alla partita e gli Elefanti ribaltano il risultato nel secondo tempo con Wilfried e il romanista Gervinho.

La Francia comincia la sua Coppa del Mondo a Porto Alegre contro l’Honduras. Sulla carta non dovrebbe esserci partita, i transalpini sono favoriti: ma in una competizione come questa non ci sono gare da sottovalutare.

Assorbito lo choc dell’assenza di Franck Ribery, la Francia è pronta al suo debutto mondiale allo stadio Beira Río. Il ct Didier Deschamps, campione del mondo nel 1998, affida la regia allo juventino Paul Pogba, che dopo aver vinto i Mondiali Under 20 lo scorso anno in Turchia, vuole ripetersi fra i grandi. In attacco spazio naturalmente a Karim Benzema, fresco vincitore della decima Champions con il Real Madrid.

L’Honduras è alla terza partecipazione alla Coppa del mondo, la seconda consecutiva. La squadra di Luis Fernando Suarez, che nel 2006 condusse l’Ecuador agli ottavi, è a caccia del suo primo storico successo al Mondiale. Schierata con un classico 4-4-2, la formazione centroamericana si affida in avanti alla coppia formata da Bengtson e Costly, 49 gol in due con la maglia della Nazionale.

Nell’altra sfida, in campo a Brasilia Svizzera-Ecuador, con gli elvetici che puntano a diventare la sorpresa del torneo.

Una delle grandi favorite di questa 20esima edizione dei Mondiali, l’Argentina, debutta contro la Bosnia, formazione al suo primo appuntamento iridato.