ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq: esercito risponde a jihadisti, portaerei Usa approda nel Golfo

Lettura in corso:

Iraq: esercito risponde a jihadisti, portaerei Usa approda nel Golfo

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito iracheno cerca di respingere l’avanzata degli jihadisti sunniti verso Baghdad. Appoggiate dalle milizie tribali, le forze armate hanno riconquistato alcune località a sud di Tikrit.

I miliziani dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante avanzano nella provincia di Diyala – contrallata dai curdi – mentre l’aviazione irachena ha iniziato a bombardare alcune zone di Mosul, teatro di intensi scontri a fuoco.

Per rispondere all’arruolamento da parte degli islamisti dei detenuti liberati dalle prigioni di Mosul, l’esercito iracheno arruola anche i civili e il primo ministro Nuri al Maliki ha rivolto un appello televisivo a tutti coloro in possesso di armi perché combattano.

Intanto gli Stati Uniti hanno fatto entrare una portaerei nel Golfo, toccherà ora a Barack Obama decidere di intervenire con bombardamenti aerei o di droni. E L’Iran fa sapere di non escludere la possibilità di collaborare con Washington contro gli islamisti.

Nel caos più totale, i curdi hanno occupato la regione petrolifera di Kirkuk. Sette peshmerga sono stati uccisi in un raid aereo nella provincia di Diyala.