ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marocco: Didier Lockwood al Festival Gnaoua

Lettura in corso:

Marocco: Didier Lockwood al Festival Gnaoua

Dimensioni di testo Aa Aa

Il violinista francese Didier Lockwood ha aperto il Festival Gnaoua e delle Musiche del Mondo ad Essaouira. La sua performance è stata accompagnata dai maâlem Hassan Boussou e Foulane Bouhssine.

I maâlem sono letteralmente i “maestri” della musica tradizionale gnaoua, suonata da un gruppo etnico del sud del Marocco.

“Appena si capisce come funziona ci si mette in gioco e si va come in ipnosi. È impressionante perché non si vuole più smettere. A quel livello la musica dà euforia, è inebriante. Per questo amo molto l’Africa, perché mantengono questa istintività che è completamente sparita da noi. In Africa siamo nell’ordine della premonizione e del sincronismo. Capisce ciò che voglio dire, è molto interessante”, dichiara Lockwood.

La 17esima edizione del Festival ha visto la partecipazione di 250 artisti marocchini e 150 musicisti da altri Paesi, che si sono esibiti insieme in una comunione di linguaggi musicali da tutto il mondo.

“La musica gnaoua è sempre aperta ai suoni del mondo. È una musica madre che è compatibile con tutti gli stili e che ha sempre dei mezzi per adattarsi, per creare e soprattutto per improvvisare”, commenta Hassan Boussou.

Dopo l’esibizione gnaoua, Lockwood è tornato sul palco con il suo trio per un ricco repertorio tra il jazz e l’improvvisazione funky.