ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina, Steinmeier: "tutte le parti impegnate per far rientrare l'emergenza"

Lettura in corso:

Ucraina, Steinmeier: "tutte le parti impegnate per far rientrare l'emergenza"

Dimensioni di testo Aa Aa

Frank-Walter Steinmeier intravede “una flebile luce in fondo al tunnel” della crisi Ucraina.

“Anche se non è stata ancora trovata una soluzione pacifica”, ha detto, le tensioni “hanno lasciato spazio a una nuova atmosfera” e “tutte le parti sono pronte ad agire per una de-escalation” che “deve diventare irreversibile”.

Il ministro degli Esteri tedesco esce portando con se un filo di speranza dall’incontro trilaterale di San Pietroburgo, con Russia e Polonia.

Quest’ultima chiede ai padroni di casa di fare la loro parte, impedendo ad armi e miliziani di attraversare il confine.

“L’Ucraina – ha detto inoltre il ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski – come Stato sovrano, ha il diritto di usare la forza contro gruppi armati illegali che provano a destabilizzare la situazione nel suo territorio”

Ma il governo russo mette sempre in discussione chi per primo debba fare un passo indietro.

“La chiave – ha affermato il capo della diplomazia russa, Sergey Lavrov – per calmare gli animi, per noi, è porre fine alle operazioni militari contro i contestatori. Sono convinto che quelli che chiamate separatisti
farebbero lo stesso”.

Lavrov ha definito un fatto positivo il via libera di Kiev a corridoi umanitari per permettere ai civili dell’Ucraina orientale di lasciare le zone del conflitto, al quale Poroshenko aveva promesso di porre fine in una settimana.

In uno dei principali centri della rivolta, Sloviansk, è giallo sul presunto arresto dell’autoproclamato sindaco filorusso, Viaceslav Ponomariov, che secondo l’agenzia Itar-Tass sarebbe stato arrestato e destituito su ordine del comandante dei miliziani locali, Igor Strelkov.

Un portavoce dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk (Dnr) ha smentito la notizia a Interfax definendola “una menzogna”. Ma lo stesso Strelkov ha poi scritto su Facebook che Ponomariov “è stato destituito per attività incompatibili con gli obiettivi e i compiti dell’amministrazione civile”.