ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Botta e risposta a distanza tra i G7 e la Russia

Lettura in corso:

Botta e risposta a distanza tra i G7 e la Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Dalla riunione dei 7 Grandi a Bruxelles arriva un corale ammonimento alla Russia.
Altre sanzioni potrebbero essere decise se Mosca non collaborerà per risolvere la crisi in Ucraina.

Per la prima volta in 20 anni, la Russia è stata esclusa dal G8, che torna ad essere G7, ma rimane al centro della scena politica internazionale. Vladimir Putin incontra in queste ore a Parigi François Hollande e probabilmente anche altri leader.

Barack Obama non avrà colloqui col capo del Cremlino ma lo incrocerà alle commemorazioni dello sbarco in Normandia questo venerdì.

I leader dei G7 hanno ribadito che non riconosceranno l’annessione della Crimea da parte della Russia e hanno affermato che Kiev ha il diritto di intervenire nell’est del Paese per ristabilire l’ordine, pur invitando il governo ucraino a mantenere un approccio misurato nelle operazioni.

I 7 hanno respinto le critiche di Dmitri Medvedev che ha definito cinico il loro appoggio all’intervento armato delle forze ucraine.

Il premier russo ha anche definito allarmante il problema umanitario nell’area, affermando che migliaia di profughi terrorizzati continuano ad affluire ogni giorno, dall’est dell’Ucraina, nelle regioni russe di frontiera.

La riunione di Bruxelles ha affrontato anche i temi dell’economia globale, dell’ambiente e dell’energia, valutando gli strumenti per rendere l’Europa meno dipendente dal gas russo e sostenendo la prospettiva di un nuovo accordo sul clima per il 2015.