ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: ucciso cittadino svizzero. Lavorava per la Croce Rossa Internazionale

Lettura in corso:

Libia: ucciso cittadino svizzero. Lavorava per la Croce Rossa Internazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre le regioni orientali reclamano autonomia da Tripoli, a tre anni dal rovesciamento del regime di Gheddafi. A Sirte, è stato ucciso un impiegato svizzero del Comitato della Croce Rossa Internazionale. L’omicidio è avvenuto davanti alla sede dell’organizzazione. A colpirlo, uomini armati a bordo di
una jeep dai vetri oscurati.

“Erano in un’auto senza insegne della Croce Rossa. Ultimamente preferiamo usare auto anonime perché i simboli della Croce Rossa sono visti male dalla popolazione”, dice un portavoce.

Questo a poche ore dal tentato attentato suicida contro il generale Khalifa Haktar a Bengasi. Tre guardie del generale che combatte le milizie islamiche sono rimaste uccise.

A Tripoli, la notte di martedì, la sede del governo filo islamico, che seppur insediato viene contestato da più parti, è stata colpita da un razzo che ha provocato danni, ma non vittime.