ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nei Balcani si contano i danni delle alluvioni

Lettura in corso:

Nei Balcani si contano i danni delle alluvioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Decine di villaggi nella Serbia occidentale sono minacciati dalle valanghe dopo le catastrofiche inondazioni delle scorse settimane.

Le alluvioni hanno fatto già una trentina di morti e distrutto infrastrutture, aziende, terreni coltivabili, così come tante case.

A Rebelj, a un centinaio di chilometri a ovest di Belgrado, gli abitanti, soprattutto quelli più anziani, non hanno visto nulla di simile in tutta la loro vita: “Non c‘è più vita qui – dice un uomo -, ma dobbiamo andare avanti, non so dove andare”.

L’entità dei danni deve ancora essere stabilita, ma secondo il premier serbo, l’economia potrebbe subire perdite fino a un miliardo di euro.

Il problema delle mine e degli ordigni inesplosi, residuati della guerra del 1992-1995 aggrava una situazione già difficile in Bosnia.

Gli abitanti delle zone colpite cercano comunque di andare avanti, come alcune coppie che hanno deciso di sposarsi lo stesso davanti a parenti e vicini in un villaggio a nordovest di Sarajevo.

“Resteremo per un po’ a casa di parenti, poi non so – dice la sposa -. Non abbiamo più una casa. Non ho idea di cosa succederà”.

Le operazioni ufficiali per la stima dei danni – indispensabile per ottenere aiuti internazionali – sono iniziate.

Intanto gli sposi si godono regali… ad hoc.