ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli Usa via dall'Afghanistan nel 2016, previo accordo con Kabul

Lettura in corso:

Gli Usa via dall'Afghanistan nel 2016, previo accordo con Kabul

Dimensioni di testo Aa Aa

Le truppe statunitensi se ne vanno dall’Afghanistan entro il 2016. Lo ha detto il presidente Barack Obama, secondo il quale le attività di combattimento cesseranno già quest’anno, mentre dal 2014 al 2016 resteranno in Afghanistan circa 10mila militari, con compiti di protezione e assistenza. e sempre se gli afghani saranno d’accordo:

“Manterremo questa presenza militare dopo il 2014 se il governo afghano firmerà l’accordo bilaterale di sicurezza che i nostri due esecutivi hanno già negoziato – ha detto Obama – Questa intesa è essenziale per conferire alle nostre truppe l’autorità di cui hanno bisogno per compiere la loro missione, nel rispetto della sovranità afghana. I due candidati al ballottaggio per le presidenziali afghane hanno indicato entrambi che lo firmeranno subito dopo l’insediamento.”

Il secondo turno delle elezioni presidenziali in Afghanistan è stato fissato per il 14 giugno.

La decisione di Obama è stata aspramente criticata dai repubblicani. Secondo l’opposizione statunitense, fissare fin da ora una data per il ritiro totale sarebbe un colossale errore, segno che a Washington la politica prevale sulla realtà militare nel teatro delle operazioni.

L’Afghanistan plasmato dagli americani non è un luogo perfetto, ha riconosciuto Obama, ma non è responsabilità degli Stati uniti renderlo tale. Secondo il capo della Casa bianca il futuro del paese deve essere deciso dai suoi abitanti.

In 13 anni di occupazione l’Afghanistan è relativamente stabile solo nella regione intorno alla capitale. Per arrivare a una pacificazione relativa è stato necessario scendere a patti con i taleban. Secondo le stime dell’Onu il paese produce oggi più oppio da eroina di quanto non ne producesse prima dell’inizio del conflitto.