ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Osce promuove presidenziali Ucraina. Ma grave situazione nell'Est

Lettura in corso:

Osce promuove presidenziali Ucraina. Ma grave situazione nell'Est

Dimensioni di testo Aa Aa

Un’elezione del tutto regolare che si è svolta con parametri di democrazia e trasparenza standard. Il giudizio dell’Osce sul voto di domenica in Ucraina è una boccata d’aria per Kiev. Ma se il vincitore delle presidenziali Petro Poroshenko parte da questo punto di vista con il piede giusto, resta il problema, grave, dell’ingovernabilità delle regioni di Donetsk e Lugansk.

“Nella città di Donetsk non era aperto nemmeno un seggio e questo è un problema evidente” ha detto il coordinatore dell’Osce Joao Soares. “Ma quel che noi diciamo è che questo non ha compromesso la legittimità delle elezioni, basti pensare che l’affluenza è stata di gran lunga superiore rispetto alle elezioni europee”.

La vittoria dell’oligarga ucraino è accompagnata da un cauto gesto di distensione di Mosca che, per bocca del Ministro degli Esteri Sergei Lavrov, riafferma il proprio rispetto la scelta ucraina. Intanto il futuro sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha sottolineato che le barricate di Maidan dovranno sparire per lasciare spazio ad un graduale ritorno alla normalità.

La nostra corrispondente Maria Korenyuk: “I risultati ufficiali delle presidenziali saranno annunciati il prossimo 1 giugno. Entro 30 giorni ci sarà il giuramento a Kiev. Subito dopo il nuovo Capo dello Stato Petro Poroshenko andrà in visita nel Donbass per quello che considera il suo compito principale: ristabilire il controllo nell’Est del Paese”.