ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli egiziani votano per le presidenziali, incognita astensionismo

Lettura in corso:

Gli egiziani votano per le presidenziali, incognita astensionismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Abdel Fattah al Sisi cerca la legittimazione democratica con le presidenziali in corso in Egitto, ma l’astensionismo resta un’incognita importante.

Per l’ex capo dell’esercito l’esito appare scontato. I suoi sostenitori sperano in un nuovo corso per il Paese, ancora alle prese con una difficoltosa transizione.

“Il mio voto fa la differenza – dice una sostenitrice -. È importante partecipare a queste elezioni, partecipare alla costruzione del futuro dell’Egitto, così come ho fatto negli ultimi due anni”.

Al Sisi non ha molti rivali. Di fronte c‘è Hamdine Sabbahi, uno dei protagonisti della rivolta che portò alla caduta di Hosni Mubarak nel 2011, che non dovrebbe infastidirlo.

L’ex generale ha dalla sua non solo i sondaggi, ma anche il voto all’estero, quasi un plebiscito per l’artefice della cacciata di Mohamed Morsi, il leader dei Fratelli Musulmani che boicottano questo voto.

In Egitto si è iniziato a votare lunedì mattina, per due giorni. Circa 54 milioni gli aventi diritto.

“La vera sfida in questa fase è il tasso di partecipazione a queste elezioni – dice il corrispondente di euronews Mohammed Shaikhibrahim -. Riflette la soddisfazione degli egiziani e il loro desiderio di cambiare, rispetto a quelle forze che fanno appello al boicottaggio”.