ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Presidenziali ucraine. Nell'est minacce contro chi vuole votare

Lettura in corso:

Presidenziali ucraine. Nell'est minacce contro chi vuole votare

Dimensioni di testo Aa Aa

Domani gli ucraini votano per le presidenziali anticipate. Dovrebbe essere un passo verso la stabilizzazione dopo l’insurrezione di Kiev e la fuga dell’ultimo capo di stato eletto. Ma, anche se Mosca assicura che rispetterà il voto, nell’est, chi vuole avvicinarsi alla Russia non accetta la consultazione, come qui a Donetsk:

“È illegale organizzare l’elezione del presidente di un altro paese nel territorio della Repubblica popolare di Donetsk – dice un uomo – Alcuni furfanti che sono di qui prendono ordini dall’estero. Ci stanno tradendo e in qualunque paese, in qualunque periodo, c‘è sempre stato un solo modo per trattare con i traditori”.

Vicino a Donetsk si prega per la pace e per il dialogo fra le comunità. Si riuniscono cittadini di tutte le confessioni religiose, la tensione è forte, perché tutti sanno che non è facile frenare una guerra civile.
Un prete cattolico, tra le lacrime, esorta:

“I morti, la violenza…tutto questo è male. Recitiamo l’atto di dolore. Dio benedica tutti noi”.

Malgrado le intimidazioni, un giovane è deciso a votare:

“Sì, è pericoloso, abbiamo paura, ma che possiamo fare, siamo liberi cittadini che vivono nel proprio paese. Vogliamo una nazione libera dove sia possibile esprimere i propri diritti”.

Nell’est dell’Ucraina diversi seggi elettorali sono stati distrutti. La maggioranza della popolazione si prepara a boicottare le elezioni. In queste condizioni il voto, invece di riavvicinare gli ucraini, potrebbe marcare ancor di più la separazione fra le due anime del paese.