ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni UE, primi exit poll dai Paesi Bassi, anti-UE delusi

Lettura in corso:

Elezioni UE, primi exit poll dai Paesi Bassi, anti-UE delusi

Dimensioni di testo Aa Aa

Non sembra iniziare nel migliore dei modi la scalata degli euroscettici all’Europarlamento. Nei Paesi Bassi – primo Paese a votare insieme alla Gran Bretagna e unico a diffondere degli exit poll prima di domenica, il Partito della Libertà di Geert Wilders, sarebbe terzo o quarto stando alle rilevazioni della TV pubblica con il 12,2% dei consensi, pari a tre deputati. Un netto calo rispetto al 2009, quando il PVV sfiorò il 17% delle preferenze. A giocarsela per il primo posto, i liberali progressisti del D66, con il 15,6% dei voti e quattro deputati, e i cristiano-democratici del Cda (che fanno capo al Partito popolare europeo) con il 15,2%. Al terzo posto, davanti di uno 0,1% rispetto a Wilders, ci sarebbero i liberali di Mark Rutte.
L’exit poll ha però sempre un valore relativo: eseguito su 40.000 persone, il sondaggio all’uscita dalle urne potrebbe risentire della tendenza di molti elettori a non ammettere di aver votato un movimento considerato radicale.

European parliament elections