ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Svizzera al voto per il salario minimo più alto del mondo

Lettura in corso:

Svizzera al voto per il salario minimo più alto del mondo

Dimensioni di testo Aa Aa

Svizzeri al voto questa domenica per decidere sull’introduzione di quello che, in caso di vittoria dei “sì”, sarà il salario minimo più alto del pianeta.

Quattromila franchi svizzeri al mese. Poco meno di 3.300 euro, ovvero circa 18 euro l’ora.

Tanto, se confrontato con i regimi in vigore in altri Paesi europei. Il giusto, stando ai promotori del referendum, se si considera l’enorme costo della vita nella Confederazione.

“Sono svizzero ma vivo in Francia”, commenta un uomo al confine tra i due Paesi. “Sarebbe davvero conveniente ricevere questo salario minimo, dato che gli affitti francesi sono più bassi. Per me è un’ottima cosa”.

Secondo i sondaggi, però, il 64% della popolazione è contraria all’idea, supportata in questo dalla posizione critica di governo e aziende, preoccupati per i risvolti occupazionali.

“Tra la popolazione svizzera c‘è quest’idea, questa convinzione, che essere troppo avidi, puntare a stipendi migliori e cercare di avere vacanze più lunghe possa avere conseguenze negative a livello microeconomico”, spiega Pascal Sciarini dell’Università di Ginevra.

“E che un giorno possa rivoltarsi contro i lavoratori dipendenti, portando maggiore disoccupazione”, conclude.

I principali sostenitori del “no” sono le piccole e medie imprese e, in particolare, gli agricoltori. Un salario minimo così generoso significherebbe costi maggiori e questo, dicono, li sbatterebbe fuori mercato a favore delle importazioni.

Senza contare la difficoltà per i giovani di trovare piccoli lavori saltuari.

I sindacati ribattono, però, che i lavoratori a basso reddito (di cui la maggioranza sono donne) vengono soprattutto dal settore dei servizi: hotel e ristoranti.