ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina-Ue: Van Rompuy a Kiev, Russia deve fare passi concreti

Lettura in corso:

Ucraina-Ue: Van Rompuy a Kiev, Russia deve fare passi concreti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Unione europea non riconosce alcuna validità ai referendum che si sono tenuti nelle regioni separatiste di Donetsk e Lugansk: lo ha ribadito Herman Van Rompuy, il Presidente del Consiglio europeo, in visita a Kiev. Van Rompuy ha detto che le speranze di risoluzione del conflitto ucraino passano necessariamente dalle elezioni presidenziali del 25 maggio e dall’implementazione degli accordi di Ginevra:

“La dichiarazione di Ginevra sui primi passi concreti per riportare la calma nel Paese – ha detto Van Rompuy – deve essere implementata. È urgente che la Russia chieda ai separatisti armati di deporre le armi e liberare gli edifici che hanno occupato illegalmente”.

Ed è alla Russia che si sono rivolte le pesanti accuse del premier ucraino facente funzione, Arsenyi Yatsenyuk, che poi però ha precisato che nessun dialogo internazionale può aver luogo senza Mosca:

“Siamo favorevoli a un tavolo negoziale esclusivamente se vi partecipano l’Ucraina, gli Stati Uniti, l’Unione europea e la Russia”, ha detto.

Sul fronte interno, Yatsenyuk ha preannunciato la tenuta di un dialogo nazionale, con tutte le parti del Paese, su cinque punti che vanno dalla tutela delle minoranze alle riforme costituzionali, e su questo Yatsenyuk ha menzionato la decentralizzazione, pur senza mai usare la parola “federalismo”, soluzione invocata da una parte dei separatisti.