ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: Mariupol al centro di gravi scontri tra polizia e filo-russi

Lettura in corso:

Ucraina: Mariupol al centro di gravi scontri tra polizia e filo-russi

Dimensioni di testo Aa Aa

Mariupol, teatro di alcuni fra gli scontri più gravi tra forze ucraine e separatisti filo-russi, nel giorno della visita di Vladimir Putin in Crimea.

Gli spari nel centro della città portuale della regione di Donetsk si sono verificati dopo l’assalto al quartier generale della polizia, secondo la versione del ministro dell’Interno ucraino che lo ha definito “un attacco terroristico”.

Una sessantina di uomini con armi automatiche avrebbe attaccato l’edificio, la guardia nazionale sarebbe poi intervenuta per riprenderne il controllo. Il bilancio ufficiale è di 29 filo-russi morti, secondo il ministro Avakov.

Gli altri assalitori sarebbero fuggiti abbandonando le armi, mentre quattro sarebbero stati arrestati. Diversi i feriti, tra cui cinque poliziotti.

La sede della polizia, un edificio di tre piani, è stata in parte distrutta dalle fiamme. Negli scontri ha perso la vita anche un agente.

Mariupol si trova nell’autoproclamata “Repubblica del popolo” che domenica intende tenere un referendum sulla secessione, considerato illegale da Kiev.

Le forze ucraine sono entrate in città con diversi carri armati. Secondo i media locali uno di essi è stato preso d’assalto dai separatisti che avrebbero inoltre eretto barricate in diversi punti della città.

Solo una settimana fa, a Odessa, nel sud ovest, decine di persone, in gran parte filo-russi, sono morte nel corso di scontri e nel rogo della casa dei sindacati.