ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia, il settore informatico cresce del 10% l'anno e attira investimenti esteri

Lettura in corso:

Thailandia, il settore informatico cresce del 10% l'anno e attira investimenti esteri

Dimensioni di testo Aa Aa

La Thailandia si trova al diciottesimo posto della classifica “DoingBusiness”. Il Paese non attira soltanto milioni di turisti, ma anche uomini d’affari che investono per esempio nel settore della tecnologia dell’informazione e della comunicazione, atteso crescere del 10% quest’anno.

Il settore informatico è in piena espansione. La domanda è molto alta, così come è elevato il livello di qualificazione e di expertise. Inoltre, il Paese vanta una posizione strategica in Asia.

Tra i vantaggi della Thailandia c‘è il costo competitivo della manodopera, ma anche la preparazione e la competenza degli ingegneri che sviluppano le applicazioni e i software per computer e smartphone, venduti anche nei Paesi emergenti vicini, dove la richiesta è enorme.

“Oggi, il settore dell’elettronica e dei computer in Thailandia è quello che esporta di più in termini di valore, rappresenta il 20% di tutto l’export del Paese. E dà lavoro a circa 200mila persone”, dice Sampan Silapanad, presidente della Electronics and Computer Employers’ Association.

Altro punto a favore è la posizione strategica al cuore dell’Asean, l’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico. Il prossimo anno i dieci Paesi membri formeranno una comunità economica, proprio come accadde con la Comunità europea. Questa zona di libero scambio riunirà oltre 700 milioni di persone e sarà appetibile per molti investitori.

“Tra questi dieci Paesi, la Thailandia è quello più avanzato a livello di infrastrutture. Credo che diventerà un hub regionale a supporto dei Paesi limitrofi, come la Cambogia, Myanmar, il Laos e il Vietnam”, dice Harry Yang, Managing Director di Acer.

Diverse società del settore informatico hanno il quartier generale qui, a partire dal gruppo thailandese Acer o dai due giganti dell’hard-disk Western Digital e Sea Gate.

“Insieme, questi due gruppi hanno l’80% del mercato mondiali dei dischi fissi – dice Sampan Silapanad- . Il 50% degli investimenti di Western Digital e di Sea Gate è fatto qui in Thailandia”.

Dopo un periodo di instabilità politica, dalla fine del 2011 la Thailandia è tornata alla piena legittimità democratica. Il governo ha fatto riforme economiche e ha abbassato l’aliquota sui profitti delle imprese. L’economia, che nel 2011 non è quasi cresciuta, si è rimessa in moto e nel 2013 il Pil è salito del 4,2 per cento. Anche il Pil pro capite della popolazione locale è in costante aumento. L’inflazione è sotto controllo.

Gli investitori stranieri possono contare su diversi aiuti. Il governo incentiva le joint venture, ma sono possibili anche investimenti diretti. Uno sportello unico semplifica le procedure amministrative e burocratiche.