ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Naufragio del Sewol: arrestato il presidente della compagnia sudcoreana

Lettura in corso:

Naufragio del Sewol: arrestato il presidente della compagnia sudcoreana

Dimensioni di testo Aa Aa

Il naufragio del Sewol porta all’arresto anche del presidente della compagnia proprietaria del traghetto sudcoreano affondato il 16 aprile con 476 persone a bordo.

Kim Han-sik, 72 anni, è accusato di omicidio colposo e di violazione delle norme del diritto marittimo. Gli investigatori ritengono che l’imbarcazione trasportasse tre volte il peso massimo consentito.

“Sono profondamente dispiaciuto per le vittime e le loro famiglie – ha detto Kim Han-sik arrivando in commissariato – Ho commesso un grave errore”.

Oltre al capitano e ai 14 membri dell’equipaggio, nei giorni scorsi erano stati arrestati altri tre manager della compagnia.

L’incidente ha provocato 302 morti o dispersi, tra i quali 280 studenti che erano in gita scolastica. Restano da recuperare 33 corpi, ma le operazioni di ricerca sono sempre più difficili a causa delle forti correnti che potrebbe aver trascinato via i cadeveri.

Le operazioni di ricerca termineranno entro il prossimo fine settimana, come annunciato dal Primo ministro sudcoreano.