ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Europa secondo Farage: zero costi, meno immigrati... e una pensione da parlamentare

Lettura in corso:

L'Europa secondo Farage: zero costi, meno immigrati... e una pensione da parlamentare

Dimensioni di testo Aa Aa

Non anti-europeista, ma contrario a un’Europa che vincoli – e costi caro – al suo Paese. Distante da un Front National a cui rimprovera germi di anti-semitismo, ma favorevole a regolare quantità e qualità dei flussi migratori.

Così si presenta Nigel Farage in vista delle elezioni europee. Il leader del partito indipendentista britannico UKIP ci illustra la sua ricetta, parla di drastico taglio ai costi delle istituzioni comunitarie, ma poi inciampa sulla pensione che percepisce dal Parlamento Europeo.

James Franey, euronews:
“Nigel Farage, grazie mille per essere con noi su euronews. Prima di tutto: che genere di partito è lo UKIP e a chi si rivolge?”.

Nigel Farage, europarlamentare e leader dello UKIP:
“Siamo un partito di democrazia nazionale. Riteniamo ovvero che il Regno Unito debba essere una nazione democratica e indipendente, che si auto-governi e non sia parte di un’unione politica con base a Bruxelles, che ora stabilisce il 75% delle nostre leggi, ci costa una fortuna e ci impedisce di commerciare autonomamente con le economie emergenti. Questo non significa però affatto che siamo anti-europeisti, né che demonizziamo tutto ciò che è oltre-Manica. E’ piuttosto il progetto sovranazionale, peraltro privo del consenso degli elettori, di costruire degli Stati Uniti d’Europa, che è votato al fallimento”.

euronews:
“Vi descrivete come un partito libertario e aperto al libero mercato. Come si concilia questo con la vostra campagna sull’immigrazione?”.

Nigel Farage:
“Anche Milton Friedman – il più determinato alfiere del libero mercato – sosteneva l’impossibilità della libera circolazione della forza lavoro fra paesi ricchi e paesi poveri, soprattutto in presenza di un sistema di sicurezza sociale. Ed è proprio questo il punto. Siamo assolutamente a favore della libera circolazione di merci, capitali e servizi. Non vogliamo anzi che sia limitata alla sola Unione Europea e ci piacerebbe che il Regno Unito operasse su scala globale. I paesi anglofoni del Commonwealth sarebbero un ottimo punto di partenza, ma dobbiamo gestire in maniera responsabile la forza lavoro. Finora sul nostro mercato si sono riversate ondate di immigrati non qualificati o poco qualificati”.

euronews:
“Parliamo fuori dai denti e ipotizziamo il caso di un’azienda che cerchi di limare i suoi costi: crede che gli imprenditori che sostengono il suo partito sarebbero davvero pronti a pagare di più, per impiegare lavoratori britannici?”.

Nigel Farage:
“Non c‘è anzitutto dubbio sul fatto che le multinazionali traggano vantaggio da questa dinamica. L’altra faccia della medaglia è però che il nostro Stato deve provvedere all’educazione dei figli di questi lavoratori, fornire loro strutture adeguate nei nostri ospedali. E lascia così senza lavoro molti dei nostri connazionali, che finiscono a carico dello Stato. Se nel complesso questo meccanismo può essere vantaggioso per le grandi aziende, certo non lo è per noi”.

euronews:
“Da sostenitore del libero mercato riterrà quindi che sarà una mano invisibile a regolare l’accesso di forza lavoro nel suo Paese…”.

Nigel Farage:
“Ci sono cose che contano più del denaro. La coesione della comunità, per esempio. Ritengo che compito del governo britannico sia difendere anzitutto gli interessi dei suoi cittadini. Milioni di famiglie britanniche sono state duramente colpite dal fatto che abbiamo aperto le porte a 485 milioni di cittadini europei”.

euronews:
“Quanto è troppo? 209.000 cittadini dell’Unione Europea si sono stabiliti in un anno nel Regno Unito, in base ai numeri dello scorso settembre. Di quanto vorrebbe tagliare questi numeri?”.

Nigel Farage:
“Drasticamente”.

euronews: “Quanto?”

Nigel Farage: “Drasticamente”

euronews:
“Della metà?”

Nigel Farage:
“No, no. Di qualche decina di migliaia”.

euronews: “30.000-50.000?”.

Nigel Farage:
“Al livello che avevamo dagli anni ’50 e fino a che Blair arrivasse al governo. Viaggiavamo su medie di 30.000-50.000 immigrati all’anno. Oggi siamo invece passati a cifre ufficiali di 200.000-250.000, nei fatti poi praticamente il doppio. Non dico ‘basta’ all’immigrazione, ma voglio che se ne controllino numeri e natura”.

euronews:
“Qual è quindi il numero che suggerisce lo UKIP?”.

Nigel Farage:
“Su questo stiamo ancora lavorando”.

euronews:
“Le elezioni sono adesso, però…”.

Nigel Farage:
“Gli altri tre partiti negano che mezzo milione di persone all’anno entrino liberamente nel nostro paese.
Questa è la battaglia che dobbiamo anzitutto vincere. Un limite preciso ancora non esiste”.

euronews:
“Non ha un numero in testa?”.

Nigel Farage:
“Per ora non esiste un limite che valga la pena menzionare. Gli ingressi nel Regno Unito sfuggono al nostro controllo. Nei paesi mediterranei dell’Eurozona le cose stanno andando così male da far temere un’altra enorme ondata migratoria. Anzitutto puntiamo quindi sui controlli. E poi su un sistema come quello australiano, a punti, che ci permetta di vagliare non solo i numeri, ma anche la qualità degli ingressi”.

euronews:
“Dalla Banca Mondiale dicono che l’Australia deve aprire le porte all’immigrazione, perché soffre di un vero deficit di manodopera non qualificata. Come può un ufficio immigrazione dettare i termini di un libero mercato?”.

Nigel Farage:
“Perché mai dare retta alla Banca Mondiale e a simili organizzazioni globali? Di solito non ne azzeccano una”.

euronews:
“E’ da otto anni che all’Australia ripetono che sono gli studenti britannici a raccogliere la frutta perché gli australiani non vogliono farlo”.

Nigel Farage:
“Ciò a cui assistiamo è la discriminazione dei cittadini britannici sul mercato del lavoro del loro stesso paese. E’ assolutamente inconcepibile e ha portato a scavare un divario sociale mai visto. Lo considero del tutto sbagliato”.

euronews:
“Alcuni poster elettorali dello UKIP assomigliano molto a quelli di altri partiti europei che si professano ‘anti-sistema’. Penso per esempio a quello di Wilders, nei Paesi Bassi, che vorrebbe formare con voi un gruppo all’Europarlamento. O ancora a quello di Marine Le Pen. In cosa le loro affermazioni su nord-africani e turchi differiscono dalle vostre posizioni sui rumeni o sui bulgari?”.

Nigel Farage:
“Il paragone più calzante fatto dai cittadini britannici è tra i nostri poster e quelli dei Conservatori alle elezioni politiche del 2005. I nostri poster si propongono di far riflettere. Il loro scopo è sollevare un dibattito ed è esattamente quanto sta accadendo”.

euronews:
“Si alleerebbe con politici come Le Pen e Wilders?”.

Nigel Farage:
“No”.

euronews: “Perché no?”.

Nigel Farage:
“Perché riteniamo che nelle loro politiche di partito – anche indipentemente dall’immagine che ne dà la leadership, e per lo meno per quanto riguarda il Front National – vi siano ancora eredità di un anti-semitismo che non ci interessa affatto”.

euronews:
“Alcune vostre proposte sembrano però riprendere quelle di Wilders e Le Pen. Anche loro si propongono per esempio di tutelare i lavoratori dagli effetti negativi della globalizzazione. Basta sostituire i termini ‘romeno’ o ‘bulgaro’, con ‘marocchino’, ‘algerino’ o ‘turco’. Dovrà riconoscere che ci sono forti similitudini”.

Nigel Farage:
“Noi vogliamo sposare la globalizzazione. Non le siamo ostili come Marine Le Pen. Vogliamo sostenere la globalizzazione, ma non dall’interno di un’Unione Europea che ci frena, ci impone divieti e ci impedisce di stringere accordi commerciali con altre parti del mondo. Questa è follia”.

euronews:
“Un’ultima domanda: lei vuole tagliare le spese dell’Unione Europea. Perché beneficia allora di una seconda pensione su base volontaria al Parlamento Europeo? Perché sottoscriverla se si propone di tagliare le spese?”.

Nigel Farage:
“Perché così alla mia morte, la mia famiglia prenderà qualcosa”.

euronews:
“Ma i suoi elettori non hanno una seconda pensione”.

Nigel Farage:
“Noi non vogliamo ridurre i costi dell’Unione Europea, vogliamo azzerarli”.

euronews: “Perché allora questa seconda pensione?”.

Nigel Farage:
“Voglio che il contributo britannico passi da 55 milioni di sterline al giorno a zero”.

euronews:
“Può iniziare dando il suo contributo…”.

Nigel Farage:
“Mi creda se le dico che è davvero un’inezia irrilevante rispetto al prezzo pagato dal nostro Paese”.

euronews:
“Eppure è da anni che lei fustiga i burocrati di Bruxelles…”.

Nigel Farage:
“Mi si può forse rimproverare di non lavorare gratis, ma non posso permettermelo”.

euronews:
“No, aspetti un momento. Molti europarlamentari hanno detto di no a quella pensione perché la consideno immorale. Perché lei invece l’ha accettata?”.

Nigel Farage:
“Davvero? Io non ne conosco nessuno”.

euronews: “Perché questa pensione se è contrario alle forti spese dell’Unione Europea?”.

Nigel Farage:
“Perché per la politica ho sacrificato importanti guadagni. E come già detto, perché alla mia morte, i miei abbiano delle entrate sul lungo termine”.

euronews: “Perché suo figlio si compri un bell’appartamento a Londra? E’ questo il senso della sua seconda pensione?”.

Nigel Farage:
“Non basterebbe”.