ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina, Kiev continua l'offensiva "antiterrorismo"

Lettura in corso:

Ucraina, Kiev continua l'offensiva "antiterrorismo"

Dimensioni di testo Aa Aa

Nell’est dell’Ucraina prosegue l’offensiva militare definita “antirerroristica”, varata da Kiev, per riprendere il controllo delle roccaforti filorusse. Sono una decina le città contese.

A Krematorsk la sede dei servizi di sicurezza e la torre della televisione sono gli avamposti sottratti ai separatisti. Una conquista costata almeno cinque morti da entrambe le parti.

Louhansk è in ebollizione, la città è mobilitata e pronta a resistere. L’appello per tutti è dare man forte alla causa separtista, bloccando gli accessi con barricate e check point.
Fonti ufficiali ucraine parlano di due soldati feriti nella zona est di Louhansk, in seguito all’assalto subito dall’esercito da parte dei ribelli filorussi che hanno attaccato alcuni avamposti militari.

A Donetsk, duecento manifestanti filorussi hanno invaso la sede della locale rappresentanza governativa e quella dei servizi di sicurezza, finestre divelte, vetri rotti e uffici amministrativi messi sottosopra, sono i segni più visibile del raid condotto al grido di “Russia Russia”, e “Non abbiamo perdonato Odessa”, la città portuale teatro delle violenze, su cui l’Unione europea ha chiesto l’apertura di un’inchiesta indipendente.

Il capo dei Servizi antiterroristici ucraini, Vassil Krutov, in occasione di una conferenza stampa, a Kiev, ha affermato che in Ucraina c‘è ormai una situazione di “guerra”.