ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Primo Maggio europeo contro le politiche di austerità

Lettura in corso:

Primo Maggio europeo contro le politiche di austerità

Dimensioni di testo Aa Aa

La protesta sociale è stata al centro delle celebrazioni per la Festa dei Lavoratori in tutta Europa.

In Portogallo, dove quest’anno cade anche il 40. anniversario della rivoluzione dei Garofani, decine di migliaia di manifestanti sono di nuovo scesi in strada a Lisbona.

“I salari scendono, le imposte salgono, e tutto contro i più deboli”.

“I temi del lavoro non sono una invenzione, hanno a che fare con i diritti conquistati con la lotta di generazioni, anche se in Portogallo e in altri paesi assistiamo a un ritorno all’indietro, perfino in rapporto alle generazioni che ci hanno precedute”.

Manifestazioni anche in più di 70 città spagnole. L’appuntamento principale, alla presenza dei leaders delle organizzazioni sindacali, è stato quello di Bilbao, da dove è partita la richiesta al governo di uscire dalla austerità.

In Francia il tradizionale corteo di Parigi quest’anno ha manifestato contro il piano di tagli alla spesa pubblica annunciato dal governo socialista, che prevede tra l’altro il congelamento dei salari nella funzione pubblica.

Delusi molti manifestanti: “Questo governo non è di sinistra. Abbiamo votato Hollande e siamo stati traditi. Vogliamo una politica sociale degna di questo nome”.

Secondo le stime dei sindacati, la festa del Primo Maggio ha mobilitato oltre 65 mila persone a Parigi, e più di 200.000 nelle manifestazioni in tutto il paese.