ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da G7 nuove sanzioni contro Mosca, Putin stacca 'linea rossa'

Lettura in corso:

Da G7 nuove sanzioni contro Mosca, Putin stacca 'linea rossa'

Dimensioni di testo Aa Aa

I Paesi del G7 lunedì annunceranno nuove sanzioni contro Mosca. Vladimir Putin, secondo il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, non ha fatto abbastanza per applicare l’accordo di Ginevra sull’Ucraina che prevede lo sgombero degli edifici pubblici e il disarmo dei separatisti.

“La Russia ha la possibilità di condurre pacificamente i separatisti dell’est dell’Ucraina su un percorso di dibattito costituzionale che porti alle elezioni – ha detto la Merkel – Finora, tali segnali sono stati purtroppo assenti”.

La lista delle nuove personaltà colpite da sanzioni includerà gli uomini di Putin.

“Siamo profondamente preoccupati riguardo alla notizia che uomini armati non identificati abbiano rapito un team di ispezione del Documento di Vienna, che fa parte della spedizione dell’OSCE, nella città di Sloviansk – ha affermato Jen Psaki, portavoce del Dipartimento di Stato Usa – In caso di conferma, condanniamo con forza questa azione e chiediamo il loro immediato rilascio. Non tolleriamo queste tattiche repressive e vigliacche”.

Vladimir Putin tira dritto per la sua strada e minaccia di interrompere gli accordi nel campo dell’industria militare con Kiev: “Nel contesto di crisi acuta, l’industria della Difesa ucraina è praticamente priva del sostegno dello Stato – avverte il Presidente russo – Siamo tutti consapevoli che un’eventuale rottura dei legami di cooperazione possa causare seri problemi all’industria militare ucraina”.

Il capo del Cremlino avrebbe anche staccato la famosa linea rossa con la Casa Bianca. Tra Mosca e Washington si è spezzato il filo diretto.