ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue vulnerabile alla corruzione. Transparency International denuncia le lacune

Lettura in corso:

Ue vulnerabile alla corruzione. Transparency International denuncia le lacune

Dimensioni di testo Aa Aa

Alto Rischio di corruzione nelle istituzioni europee. E’ l’allarme lanciato dall’associazione Transparency International che ha condotto un’inchiesta approfondita tra dieci stituzioni europee. Nonostante qualche nota positiva come l’esistenza di strutture specializzate contro le frodi, l’organizzazione denuncia diverse lacune, spiega il direttore dell’ufficio di Bruxelles Carl Dolan:

“Nonostante ci siano le dichiarazioni dei redditi e degli altri beni di proprietà di deputati europei e di funzionari della Commissione, queste dichiarazioni non sono sistematicamente verificate e questo rende le istituzioni europee vulnerabili al rischio corruzione”

Simbolo di questa vulnerabilità, il maltese John Dalli. Due anni fa il commissario alla salute fu costretto a dare le dimissioni, accusato di rapporti poco trasparenti con un’industria del tabacco. Tra le lacune evidenziate da Trasparency international, c‘è l’assenza di regole obbigatorie per regolare i rapporti tra deputati e lobbisti.

“Ci sono alcune semplici cose che le istituzioni europee potrebbero fare, continua Carl Dolan- una delle cose che proponiamo è di introdurre una politica di trasparenza per principio. Questo significa che tutti i documenti relativi a riunioni importanti incluse quelle a porte chiuse devono essere messi a disposizione del pubblico e non solo a quelle persone che hanno un accesso privilegiato o che sono ben informate sul processo legislativo”

A pochi giorni dalle elezioni europee, secondo sondaggio il 70% dell’opinione pubblica ritiene che la corruzione sia presente nelle istituzioni europee.